Michelle Ferrari, da pornostar a candidata alle elezioni

Michelle Ferrari, da pornostar a candidata alle elezioni

L'ex diva dell'hard e la mamma Alba Latella al centro di un polverone mediatico. Alla Spezia sfuma l'appoggio al candidato sindaco dei grillini. La nostra intervista

 /  / 

La Spezia - Giovedi 12 gennaio 2012

Cicciolina docet: dal porno alla politica il passo è breve. E se Ilona Staller ce lo aveva dimostrato già negli anni Ottanta (prima candidandosi con il Partito Radicale di Marco Pannella, poi fondando il Partito dell'Amore con Moana Pozzi) per poi annunciare in tempi più recenti il proposito di concorrere alla carica di sindaco di Monza, in queste ultime ore un piccolo caso è scoppiato anche nello spezzino.

Protagoniste l'ex pornostar Michelle Ferrari (al secolo Cristina Ricci) e sua madre Alba Latella. Il polverone si è sollevato in seguito a un'intervista rilasciata l'11 gennaio 2012 dalla mamma di Michelle al Secolo XIX: dalle parole di Alba sembrava evidente l'intenzione di candidarsi (entrambe, madre e figlia) alle elezioni comunali nella lista dei Movimento 5 Stelle - Grilli Spezzini in appoggio al candidato sindaco della Spezia Ivan Mirenda.

E invece niente. Perché poche ore dopo è subito è arrivata la smentita direttamente dal blog del partito fondato da Beppe Grillo: «Michelle Ferrari non è candidata nella lista del Movimento 5 Stelle per le comunali 2012 alla Spezia» si legge su laspezia5stelle.
Cos'è successo allora? Lo abbiamo chiesto alla diretta interessata, Michelle Ferrari: «facevo già parte della lista, mia madre aveva anche presentato i documenti per la candidatura» spiega: «loro sapevano chi ero e avevano accettato».

Le cose sarebbero cambiate solamente dopo l'intervista rilasciata da mamma Alba: «la notizia resa pubblica ha evidentemente dato fastidio» afferma Michelle, «perché è stato solo a quel punto che hanno sollevato il problema e improvvisamente deciso di togliermi dalla lista».
L'ex diva dell'hard, 28 anni compiuti a dicembre, si dice «delusa» del comportamento dei grillini spezzini: «prima gli andavo bene, ora non più. Mi aspettavo un po' più di coerenza, ma d'altronde viviamo in un paese così e non possiamo farci niente».

Alba e Michelle curano un blog che tratta (anche) argomenti politici. «Ma in realtà non miravo a nessuna poltrona» precisa l'ex pornodiva, «ero nella lista perché appoggiavo le idee del movimento: per fare politica ci voglio basi più concrete».
Sfumate le elezioni amministrative, ora cosa succederà? «Non intendo dissociarmi dal Movimento a 5 Stelle», annuncia sicura: «Beppe Grillo è una persona che sa sollevare problematiche molto interessanti e soprattutto dà molto spazio ai cittadini. Su di lui non cambio idea».

E ai maligni che la accusano di avere intenzionalmente sollevato un polverone mediatico per farsi pubblicità, lei risponde: «macché, ho il mio lavoro e non ho bisogno di pubblicità». Michelle conduce un agriturismo insieme a mamma Alba e alla sorella (si chiama All'isola che non c'è e si trova alla Spezia in località Marinasco). «Poi continuo a fare spettacoli nei locali e sono pure commessa in una ricevitoria. E quest'anno ho anche fatto un calendario benefico per una cooperativa di Pontedera che si occupa di cani abbandonati».

Luca Giarola

© Copyright mentelocale.it
vietata la riproduzione

Società & Tendenze Attualità